"Si chiude un anno intenso e abbiamo prospettive molto ottimiste per Edil-strade Valtellina. Ci sono in programma una decina di nuovi lavori su infrastrutture in avvio o già in fase di lavorazione. È stata ridefinita la struttura interna della Cooperativa, resa più snella ed equilibrata”.

Un 2016 dal bilancio soddisfacente quello che si conclude oggi per Edil-strade, la Cooperativa con sede a Sondrio formata da oltre 60 società operanti nel settore edile. A dare conferma dell’ottimo avvio il presidente Ing. Celo Scenini, che, un anno fa, è stato riconfermato nel suo ruolo.

“È stato un anno di riassestamento e di ripresa”, afferma Scenini, “Il 2015 è stato problematico, per affrontare i periodi di sfasamento sempre più lunghi tra l’approvazione di un progetto da parte degli enti pubblici e l’inizio effettivo dei cantieri. Il 22 dicembre si è svolta l’assemblea del Consiglio Di Amministrazione, durante la quale sono stati presentati i risultati ottenuti in questi ultimi due semestri: il bilancio a fine anno prevede una situazione sostanzialmente di pareggio tra costi e ricavi, mentre il portafoglio ordini per il 2017, è importante e può contare su diversi milioni di euro di contratti per opere pubbliche già firmati.

Questo proietta la Cooperativa nel futuro con una garantita stabilità. Sono una quindicina le imprese che lavorano sui nuovi cantieri, ottenuti tramite appalti pubblici che Edil-strade, ha acquisito grazie alla sua alta categoria nell'ex albo costruttori (ora Soa, ndr)". L'alta posizione nella Soa, infatti, consente di partecipare ad appalti di grande valore e si basa su parametri che solo una struttura di dimensioni consistenti può soddisfare, come, in primis, il fatturato. Inoltre negli ultimi dieci anni Edil-strade ha acquisito un accreditamento, grazie ai lavori eseguiti sulle più importanti commesse infrastrutturali a livello nazionale quali Cepav I (Milano/Napoli), Cepav II (Milano/Brescia), Bre.Be.MI, Pedemontana Lombarda, ed altre ancora, che permette di avere una continuità di lavoro, soprattutto nell’ambito delle infrastrutture”, sottolinea Scenini.

Questo, infatti, lo spirito guida della Cooperativa: consolidare le aziende nella loro struttura, aiutandole dove possibile, per il loro implemento e, in secondo luogo permettere di partecipare a gare d’appalto da cui, altrimenti, sarebbero escluse. “La Cooperativa è un meccanismo di sinergia virtuosa,le imprese sostengono la cooperativa e la cooperativa li supporta nel loro lavoro individuale, fornisce loro servizi e possibilità di rete ”. Il presidente Scenini, coi suoi 30 anni di esperienza in Edil-strade, è da sempre disponibile verso i soci o a chi ha intenzione di diventarlo: “Da imprenditore conosco bene le esigenze e le difficoltà delle imprese. In un periodo delicato come questo, le imprese devono trovare nuovo slancio ed essere sostenute. La Cooperativa unisce la forza contrattuale delle grandi realtà alla conoscenza e operosità delle piccole e medie imprese, costruite negli anni e con i sacrifici di tante famiglie.

Sono numerose e importanti le commesse ottenute da Edil-strade durante quest’anno e altre ancora verranno stipulate, con la firma del contratto, nei primi mesi del 2017. “Siamo soddisfatti – afferma il Direttore Tecnico Mascarini - perché si tratta di opere strategiche per il territorio nazionale”. Al momento, infatti, le aziende socie di Edil-strade sono al lavoro a Roma, Avellino, Torino, Milano, Novara e in provincia, come a Sondrio  il territorio su cui opera il consorzio si estende, quindi ,su tutto il territorio nazionale. Tra questi, di particolare spicco, si presentano il cantiere della Metro Blu a Milano, dove verranno realizzare tre stazioni metropolitane e quattro manufatti di accesso alle linee. Ma anche il progetto di Monte Romano, ovvero viadotti e opere in cemento armato importanti. Edil-strade si è aggiudicata anche l’appalto per la sistemazione della viabilità verso il palazzo della Provincia di Torino, che ha affidato alle sue società. Da poche settimane è stato avviato il cantiere di via Samaden: l’opera pubblica che prevede lo sbocco dalla tangenziale sondriese sulla via cittadina, per un valore di 800mila euro.  La Cooperativa ha anche ottenuto l’appalto per diversi interventi sul territorio provinciale come per esempio manutenzioni reti idriche e difese del territorio per conto di Secam ed altri interventi nel comune di Piantedo, Sondalo e Berbenno di Valtellina.

In conclusione il Presidente Ing. Scenini esprime una visone più che ottimistica per il futuro di Edil Strade e per le imprese socie, l’Ing. Mascarini condividendo quanto espresso dal Presidente esprime un cauto ottimismo anche per l’edilizia Civile, che manifesta dei segnali di ripresa soprattutto in contesti particolari e città importanti come Milano dove sono in corso diverse offerte.